Avanzata

esami da privatista al conservatorio

Inviato da svirgin82 
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 03:42
caro Elemenem

io non credo nessuno possa in futuro "stracciare " quel mio titolo di studio ottenuto quest'anno da Privatista .

perchè qualsiasi Corte che lo ammettesse sancirebbe contestualmente che il mio diritto allo studio e a proseguire gli studi è diverso ed inferiore al tuo
e questo è inammissibile .

Perchè sancirebbe anche che le Direttive Del Dott. Civello sono burlette e non " la cosa da fare " e al quale ogni Istituto , seppur nella sua autonomia , deve attenersi
Le varie Istituzioni che hanno deciso di assecondare la Direttiva Civello non sono propriamente scuole di musica rionali improvvisate e messe sù , dirette da sprovveduti
(Torino , Modena, Parma per citarne qualcuna solo al Nord)
Non vanno contro la Legge , bensì assecondano una Direttiva imposta dall'Alto , quindi
HANNO LE SPALLE COPERTE
E se hanno le spalle coperte loro figurati NOI che in buona fede ci siamo affidati . Nessuna Corte mi giudicherebbe mai colpevole o in fallo per questo.

Semmai un giorno a risponderne , semmai , sarà il Dott. Civello perchè è lui che ha emesso questa Direttiva e lui ne è il responsabile .
Non ne risponderanno i Conservatori , non ne risponderemo Noi con i nostri Titoli .

Ma secondo te il Dott.Civello si è alzato una mattina e in Totale autonomia ha deciso : " "Oggi voglio fare una follia !!!!!"

Decisioni così importanti a certi livelli sono sempre concertate , " appoggiate " e sicure per la propria posizione .

E' lapalissiano .
Qualcuno, un singolo , si potrebbe alzare un giorno e dire : " a me non sta bene che tu abbia il Diploma !!!"
A quel punto per dimostrare che il mio Diploma non vale niente rispetto al suo dovrebbe anche dimostrare che la Direttiva Civello è fuori Legge e quindi che il Dott. Civello in persona
l'ha fatta fuori dal vaso ( mi scuso con lui , se legge , ma rende bene l'idea velocemente )

con tutte le conseguenze del caso
le quali conseguenze sono ben più importanti dell'annullamento del mio Diploma perchè
arriveremmo talmente in alto da spostare i massimi sistemi
e non accadrà mai

Quale sarebbe il problema?? La graduatoria per un " posto " di lavoro ??
un posto di lavoro ???
Ma hai presente quanti titoli e quanti meriti deve avere un povero CRisto per assurgere ad una graduatoria oggi ???
Con il mio DIploma ci si puliscono il naso quelli che redigono le graduatorie :
i miei insegnanti di musica hanno più lauree e specializzazioni in campo musicale che Dio solo lo sa e nonostante questo e nonostante una bella carriera da Concertisti sono ancora lì che si arrabattano per un posto di supplenza

quindi torno a chiedere : " il mio Diploma da Privatista è un ostacolo al tuo posto in graduatoria ??? "
ma dove vuoi che io vada con il solo Diploma ????
questa è la più bella battuta della giornata

pensa piuttosto ad essere più bravo e preparato di me
è questo che si richiede in ambito concorsuale
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 10:04
Non ti ho offeso, mi scuso se il mio linguaggio colorito ti ha urtato, ma non farla tanto lunga.
Non capsico che reazione puoi aspettarti spuntando dal nulla come un fungo e sparando tali abnormità, senza nemmeno esserti informato sulla questione e su come la stessa si sia evoluta negli ultimi mesi su questo forum.

Sono sicura che anche a te viene verrebbe voglia di spaccare il computer quando dopo mesi di attenta analisi, studio, interessamento, condivisione di risultati...arriva qualche nuovo professor so tutto io a fare la sua boutade, "rischi 800 euro, rischi che ti annullino il diploma": è il tuo atteggiamento assurdo che mi ha fatto esplodere.

Non ti sei neanche sprecato a leggere le decine di pagine di contributi dati da persone veramente interessate all'argomento, che hanno davvero approfondito la tematica fino a farne praticamente un nuovo hobby (!). No, arrivi e spari a zero, senza neanche palesare che ti tratta di una tua opinione assolutamente non supportata dal minimo dato legislativo, anzi, dicendo - e sbagliando - che la legge vuole così, i conservatori sono tutti contro la legge.

Non ripeterò le motivazioni, perchè ci sono qualcosa come dieci pagine di analisi del punto nell'altro topic sui privatisti (che nessuno pare si sia preoccupato di leggere).
Andate a leggerle, e scoprirete che non è certo in forza della nota di Civello che il titolo preso dai privatisti quest'anno avrà piena validità.



Messaggio modificato il giorno 28/04/2011, 10:06
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 14:58
Approvo totalmente il tuo intervento Fryc.. ma vedo che certa gente qua sembra che abbia solo come obiettivo misero cercare di deprimere totalmente i poveretti come noi che si stanno sbattendo come matti a studiare e a capire le leggi per potere terminare con sto benedetto titolo di studio.. Sembra proprio che lo scopo di sta gente e' fare il disfattista sparando sentenze senza la benche' minima nozione di leggi.. cosi' per dire la propria fesseria su questo forum e pensare "ahah ho smontato qualche altro povero fallito privatista! AHAH non dovete finire mai voi! dovete rimanere trom bati a un passo dalla fine!"
Ora come dice Fryc ci sono pagine di analisi delle leggi da parte di Frodo...e arriva questo a dire.. i titoli presi quest' anno non avranno validita'! AHAH ma chi sei tu per dire ste cavolate?? ma quale nota di Civello? ma quale legge vieta ai privatisti di finire?? MA SMETTIAMOLA PER FAVORE!!
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 15:19
Fate molto male a liquidare elemenem come se fosse l'ultimo arrivato. A parte che avrà il triplo dei vosti anni, è docente di conservatorio da una vita, ma soprattutto ha lunga e solida esperienza da protagonista del mondo sindacale a livello nazionale. Quindi di legge e normativa nello specifico dei conservatori, ne sa certamente più di tanti altri. Si può non essere daccordo con lui, ovviamente. Ma vi invito a evitare certe sparate.



Messaggio modificato il giorno 28/04/2011, 15:25
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 17:01
Forse può essere utile a qualcuno o alla discussione,per cui copio e incollo dal sito Miur-Afam l'ultima nota del dirigente Civello in merito agli esami dei privatisti di quest'anno:li ammette,sentito il parere della conferenza dei direttori,e non prospetta rischi futuri di nessun genere per il titolo ottenuto tramite questi esami...

Direzione generale per l'alta formazione artistica, musicale e coreutica

Protocollo: n.1926Roma, 6 aprile 2011
Conservatori di Musica
Istituti Musicali Pareggiati
LORO SEDI

Oggetto: Conservatori di Musica e Istituti Musicali Pareggiati: a.a. 2010/2011 - candidati privatisti
Sono pervenute diverse note di protesta da parte di studenti privatisti che, pur avendo presentato domanda per sostenere gli esami, presso alcuni Conservatori di Musica ed Istituti Musicali pareggiati sono stati esclusi.
Sulla questione, infatti, alcune Istituzioni hanno espresso delle perplessità e, pertanto, hanno chiesto ulteriori precisazioni al riguardo.
Ciò posto, si ribadisce quanto già disposto con circolare prot. 383 del 27 gennaio c.a., con la quale, acquisito il parere favorevole della Conferenza dei direttori, le Istituzioni interessate sono state invitate ad ammettere agli esami anche i candidati privatisti.

IL DIRETTORE GENERALE
Giorgio Bruno Civello
f.to Giorgio Bruno Civello

--------------------------------------------------------------------------------
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 21:14
E con questo contributo di sunflower

fine dei discorsi
Re: esami da privatista al conservatorio
28 aprile 2011, 21:22
tutto il mio rispetto e la mia stima ad Elemen e a chi è più edotto e più acculturato di me .
Sempre .

certe parole però , quando siamo tutti esasperati dalla situazione assurda degli ultimi mesi e quando poi abbiamo già versato i nostri risparmi per iscriverci agli esami

potrebbero essere evitate
specialmente se si ha un'età di un certo peso e le parole le si sà misurare .

e comunque se ci incontrassimo ci conteremmo le rughe , purtroppo!!!

Buono studio a tutti
Re: esami da privatista al conservatorio
02 maggio 2011, 01:23
bebaterra Scritto:
-------------------------------------------------------
> caro Elemenem
>
> io non credo nessuno possa in futuro "stracciare
> " quel mio titolo di studio ottenuto quest'anno da
> Privatista .

Le ragioni per le quali circa il 50% dei conservatori ha deciso di non ammettere agli esami riservato agli interni (ex dpr 212) anche i privatisti è contenuto esattamente nel testo di legge.
Le conseguenze possibili per l'ammissione ad un esame in contrasto con un dpr sono chiare. é già successo, anche se raramente, che un titolo di studio sia stato annullato.

Su cosa basano le loro teorie coloro che pretendono di essere ammessi agli esami che il dpr invece indica come riservati agli interni?
Sul fatto di credersi una "categoria" o "tipologia" di studenti, i "privatisti".
Ma la quialifica di privatista è insita al fatto di aver avuto ammissione ad una tipologia di esame, tipicamente della scuola primaria o secondaria, appunto, da privatista.
Questa condizione, ripeto, è legata a quell'esame e non esiste legge che dica che aver avuto accesso ad un esame da privatista, stabilisce una condizione per la quale si ha diritto a fare tutti gli esami da privatista, ripeto, NON ESISTE NESSUNA NORMA CHE DICA CIO'.
Mi spiace ma è così.
In secondo luogo occorre rilevare che tipicamente l'accesso agli esami nella formazione terziaria è ESCUSO per i non iscritti, cioè, non esistono "privatisti" ad esami terziari e meno che mai ad esami finali.
Non confondiamo sull'obbligo di frequenza o sulle università telematiche, magari anche se potessero avere lezioi, e magari esami on-line e quindi per studenti mai visti in faccia; si tratta sempre e comunque di studenti ISCRITTI.
Il conservatorio è stato relegato per decenni in una sorta di limbo parasecondario, con regole violate sistematicamente propro per la sua atipicità, ad esempio sarebbe stato necessario consegnare il titolo di studio precedente in originale, ma mai è successo proprio perchè tale titolo era consegnato nell'altra scyola secondaria.
Ma con la stabilizzazione del processo di riforma, NEL MOMENTO nel quale le istituzioni rilasciano come corsi ORDINARI i Diplomi Accademici, equiparabili alle lauree di primo livello, parallelamente è stata obbligatoriamente applicata la normativa che nella formazione terziaria è esclusa la figura del privatista.
E quindi in tale senso la legge ed il dpr.

Poi, come sappiamo, le resistenze sono state molte, comprensibili sotto il profilo umano, ma contrarie alle logiche di legge, e sino a questo momento, giocando sul fatto che i Diplomi Accademici erano rilasciati come titoli sperimentali, è stato concessa la partecipazione agli esami del parallelo corso ordinario tradizionale, ai privatisti, pur se tale titolo era comunque equiparato ad un Diploma Accademico di primo livello.
E già qui se pur non si era in aperta violazione del DPR, si era comunque fuori dalle norme dell'istruzione terziaria.

Ma da questo anno i Trienni accademici di primo livello sono ORDINAMENTALI, e quindi la piena applicazione del 212, con conseguente limitazione ai soli GIA' iscritti, della frequenza ed agli esami del corso ex ordinamentale in esaurimento.
Non entro nel merito delle stramberie di esami che potrebbero essere organizzati per SOLI esterni (privatisti) quando a quegli esami non vi siano anche degli interni, e/o sull'utilizzazione di docenti in esami non previsti dalla normativa vigente.

La questione è questa e le norme sono queste.
Se poi ci sono state delle carte che hanno creato confusione, occorre valutarle e cercare le possibili consguenze, senza cercare di nascondersi dietri interessi personali o istituzionali.
Inutile dire che gli interessi, quali che siano, debbono comunque esistere per legge o come minimo, non essere in contrasto di legge.
Nel caso del contrasto, la situazione possibile è che gli eventuali titoli possano essere annullati per violazione dele normative vigenti, che sono quelle di una legge e nessuna circolare ha mai superato il valore di una legge.

in merito alle circolari, nel messaggio successivo...............



Messaggio modificato il giorno 02/05/2011, 01:24
Re: esami da privatista al conservatorio
02 maggio 2011, 01:54
in merito alle circolari...

le due circolari del Dott. Civello esprimono suggerimenti o consigli e NON DANNO NESSUNA DIRETTIVA.
Ed è logico il perchè.
A margine ricordiamo che nel recente decreto milleproroghe, esistevano ben due emendamenti che proponevano di inserire negli esami dei conservatori anche coloro che avevano in passato sostenuto esami da privatisti.
A parte l'illogicità del testo che nella formulazione avrebbe permesso ad un ex privatista di accedere ma guarda caso ad un ex interno invece no, stranamente, dobbiamo notare che i due emendamenti sono stati dichiarati inammissibili.
Ora abbiano una legge (DPR) che esclude la figura dei privatisti per questi esami ATTUALI, abbiano una legge che ha escluso dagli emendamenti, l'inserimento dei privatisti, e ricordiamo che in questo caso trattandosi di legge, avrebbe avuto valore pieno, ma sappiamo che dopo attenta analisi sono stati dichiarati emendamenti inammissibili (non ho le esatte dizioni usate, ma il risultato è nomto).

Ora pensare che una circolare che "suggerisce" possa valere, è cosa curiosa.
Se come qualcuno ha detto, la circolare avesse dato disposizioni (e sarebbe necessario un testo diverso) allora sarebbe stato il Direttore Generale che nel dare disposizione, se ne assume responsabilità.
Ma guarda caso, sono suggerimenti e non disposizioni...

Ricordiamo anche una circolare che dopo aver dato facoltà (!) alle istituzioi di fare una determinata cosa, la circolare chiudeva invitando le istituzioni a verificare la legittimità delle loro scelte!!!!
Difficile a questo punto ritenere che una circolare, scritta in modo da non dare direttive ma solo suggerire... sia assunzione di responsabilità.
Non vado oltre, siete tutti in grado di fare le vostre valutazioni obiettive.

Sappiamo anche che per la partecipazione dei privatisti ai passati esami, è stata chiesto un "contributo volontario" (ricordiamo che non sono "tasse", ma solo contributi volontari, le tasse sono una vemtina di euro circa) di migliaia di euro. Quindi possiamo ritenere che per le istituzioni queste divertse migliaia di euro siano assoloutamente ambiti e con le crisi che conosciamo, ci si nasconde dietro a qualunque circolare, per incassare molte migliaia di euro.
Ma se poi qualcuno volesse fare ricorsi contro la validità di questi titoli, su cosa pensate di appoggiare la validità di titoli presi apparentemente in violazione del 212, con la scoperta posizione di circa la metà delle istituzioni che hanno rinunciato a molti soldi proprio perchè la situazione normativa è stata interpretata come contraria alla partecipazione dei privatisti?
Le circolari del Dott. Civello hanno solo suggerito alle istituzioni... che nella loro autonomia... hanno creduto di essere coperte, legittimate... e se poi invece avessero sbagliato, se i titoli dovessero essere ritenuti non validamente ottenuti?
Le istituzioni ed i direttori sono responsabili e non il Dott. Civello, che non ha dato direttive esplicite. I danneggiati, gli studenti, certamente non saranno accusati di aver comperato illegalmente dei titoli di stato in quanto il presupposto della corruzione non esiste, e ne avrebbero solo il danno di un titolo pagato e invalidato.
Potranno certamente rivolgersi come parte lesa a chi è stato causa del loro danno, e quindi non al dott. Civello ma, in virtù della autonomia, alle singole istituzioni coinvolte e precisamente ai loro direttori pro tempore personalmente.
Comunque una causa con tutte le noie correlate.

Creedete che lo scenario sia irrealizzabile, che tutto finisca sicuramente a tarallucci e vino?
Benissimo.

Credete che coloro che seguendo per come appare la legge e per come letta da almeno la metà delle istituzioni che hanno rinunciato ai loro soldi, per questi studenti interni che si sono fatti un sacco di esami, con frequenza OBBLIGATORIA dell'80% delle lezioni e quant'altro, sia normale ed accettabile vedere che qualcuno, in apparente condizione di illegalità, sia pure da verificare o meno, ottenga lo stesso titolo con un solo esame da privatista, stia felice e silente?

Non lo so, non è problema mio, ma credo proprio per correttezza che dare informazioni sia utile.
Non si tratta di fare uccello di malaugurio o terrorismo, ma solo informazione, per evitare che qualcuno abbia fatto scelte credendosi in condizione normale, non sapendo della diversa valutazione delle istituzioni e di quanto sopra detto.

Se poi queste informazioni date con spirito informativo, non le ritenete utili, o le ritenete inesatte e volete leggere i testi, benissimo.
Se credete inutile leggere i testi e comunque ritenete la scelta di andare la dove viene concessa iscrizione a questi esami anche agli esterni, io vi auguro tutto il bene.
Comunque sia per onestà e dovere è bene essere informati.
Auguri sinceri.
Re: esami da privatista al conservatorio
02 maggio 2011, 02:04
PS
la conferenza dei direttori è una associazione non prevista dalla normativa vigente, la sola istituzione di riferimento prevista per legge nel settore AFAM è il CNAM, e non mi risulta che il CNAM sia mai stato interpellato in merito.

quindi:
una legge
un paio di consigli dati con circolari
metà istituzioni da una parte e metà dall'altra
tanti soldi in ballo
una associazione non prevista per lette che interviene come depositaria della verità
una organo legittimo non consultato in merito
le commissioni parlamentari che hanno escluso certe partecipazioni
normative di accessi agli esami nei percorsi primari e secondari differenti dai percorsi terziari
la stabilizzazione dei conservatori nei percorsi terziari, con conseguente abbandono del percorso fumoso precedente


se qualcuno è incavolato con la poca chiarezza, ha tutte le ragioni, specialmente se ha speso cifre non indifferenti, chiedere garanzie e chiarezza sarebbe bene, i fatti si debbono conoscere.

e poi ognuno faccia le proprie scelte, magari più consapevole.