Avanzata

interessante sentenza direttori cons. afam

Inviato da doriangray69 
interessante sentenza direttori cons. afam
06 maggio 2010, 16:52
Interessante sentenza del Consiglio di stato :i direttori comparto afam non possono essere rieletti dopo due mandati di fila...

N. 02235/2010 REG.DEC.
N. 01623/2010 REG.RIC.


REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

DECISIONE
Sul ricorso numero di registro generale 1623 del 2010, proposto da:
Ministero dell'Istruzione dell'Universita' e della Ricerca, Accademia di Belle Arti di Bologna, Commissione Per L'Elezione del Direttore, rappresentati e difesi dall'Avvocatura Generale dello Stato, domiciliataria per legge presso la sede di Roma, via dei Portoghesi, 12;

contro
Cesare Pacitti, rappresentato e difeso dall'avv. Nicola Chirco, con domicilio eletto presso la segreteria della VI sezione presso il Consiglio di Stato in Roma, piazza Capo di Ferro 13;

nei confronti di
Mauro Mazzali;

per la riforma
della sentenza breve del T.A.R. EMILIA-ROMAGNA - BOLOGNA - SEZIONE I n. 03188/2009, resa tra le parti, concernente ELEZIONE DIRETTORE DELL'ACCADEMIA DI BELLE ARTI PER TRIENNIO 2009-2012.

Visto il ricorso in appello con i relativi allegati;
Visto l'atto di costituzione in giudizio di Cesare Pacitti;
Viste le memorie difensive;
Visti tutti gli atti della causa;
Relatore nella camera di consiglio del giorno 13 aprile 2010 il Cons. Gabriella De Michele e udito per la parte appellante l'Avvocato dello Stato Maddalo;
Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO
Con atto di appello, notificato all'Amministrazione il 12.2.2010, il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca impugnava la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per ll'Emilia Romagna, sez. I di Bologna, n. 3188/09 del 18.12.2009, con la quale veniva accolto il ricorso proposto dal Prof. Cesare Pacitti avverso gli atti concernenti l'eleggibilità e la nomina del prof. Mazzali come Direttore dell'Accademia delle Belle Arti di Bologna.

Nella citata sentenza si rilevava, sostanzialmente, come la normativa di riferimento consentisse il rinnovo della carica in questione - di durata triennale - per un solo mandato, con conseguente ineleggibilità del citato prof. Mazzali, già nominato per il periodo 2003/2006, con successivo rinnovo fino al 2009.

In sede di appello, si sottolineava che il divieto di rinnovo dell'incarico di cui trattasi, per più di due mandati consecutivi, sarebbe stato da riferire alla normativa di volta in volta applicabile e dunque - una volta approvato il nuovo statuto dell'Accademia (in data 19.3.2004) - il divieto stesso avrebbe riguardato solo coloro che fossero stati eletti nei modi stabiliti dallo statuto (con conseguente rieleggibilità del medesimo prof. Mazzali, nominato per il primo mandato in forza dell'art. 4, comma 2, del D.P.R. 28.2.2003, n. 132 e, secondo l'appellante, non su base elettiva).

L'Amministrazione universitaria ed il controinteressato prof. Pacitti, costituitisi in giudizio, resistevano all'accoglimento del gravame (il secondo sottolineando, in particolare, l'avvenuto conferimento dell'incarico in questione sempre a seguito di elezione, con decreto ministeriale di nomina a favore del candidato più votato).

Premesso quanto sopra, il Collegio ritiene che il ricorso in appello in esame - pervenuto in Camera di Consiglio in data odierna per la decisione sull'istanza cautelare - sia manifestamente infondato e possa essere deciso in forma semplificata, ai sensi dell'art. 26, quarto comma, della legge 6.12.1971, n. 1034, nel testo introdotto dall'art. 9 della legge 21.7.2000, n. 205.

Il ricordato D.P.R. 28.2.2003, n. 132 (regolamento recante i criteri per l'autonomia statutaria, regolamentare e organizzativa delle istituzioni artistiche e musicali, in attuazione della legge 21.12.1999, n. 508) dispone infatti - all'art. 4, comma 2 - che “gli organi di cui al comma 1”, fra cui il direttore di cui trattasi, durino in carica tre anni e possano essere “confermati consecutivamente una sola volta”. Si uniforma a tale disposizione lo statuto dell'Accademia, approvato con decreto del MIUR in data 19.3.2004, che nell'art. 24 riproduce la disposizione sopra riportata. Non si pone, pertanto, alcuna problematica di “ius superveniens”, non potendo l'interessato - in alcun momento dei propri due successivi mandati - nutrire alcuna aspettativa per un ulteriore rinnovo e non risultando introdotta dalla ricordata normativa statutaria alcuna novazione in ordine allo status del Direttore dell'Accademia di cui trattasi (anche per quanto riguarda la procedura elettiva di nomina, come rilevato dal controinteressato ed originario ricorrente prof. Pacitti, senza alcuna controdeduzione sul punto da parte dell'Amministrazione); in assenza di disposizioni transitorie - che esplicitamente consentissero deroghe al riguardo - non può dunque che ritenersi prescritta per la carica di cui trattasi, dal 2003 al periodo che interessa, ai fini del presente giudizio, la regola dell'alternanza dopo due successivi mandati, per una maggiore democraticità di gestione e per evitare il consolidarsi di posizioni di potere, dalle potenziali ricadute negative.

Per le ragioni esposte, in conclusione, il Collegio ritiene che l'appello debba essere respinto, fatte salve le ulteriori determinazioni dell'Amministrazione in ordine agli effetti della ineleggibilità - successivamente dichiarata - di uno dei candidati alla carica da assegnare; le spese giudiziali, da porre a carico della parte soccombente, vengono liquidate nella misura di €. 3.000,00 (Euro tremila/00).

P.Q.M.
Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale, Sezione Sesta, respinge il ricorso in appello indicato in epigrafe; condanna l'Amministrazione appellante al pagamento delle spese giudiziali, nella misura di €. 3.000,00 (euro tremila/00) in favore del prof. Cesare Pacitti.

Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 13 aprile 2010 con l'intervento dei Signori:

Giuseppe Barbagallo, Presidente

Paolo Buonvino, Consigliere

Domenico Cafini, Consigliere

Roberto Giovagnoli, Consigliere

Gabriella De Michele, Consigliere, Estensore

L'ESTENSORE IL PRESIDENTE






Il Segretario



DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 21/04/2010

(Art. 55, L. 27/4/1982, n. 186)
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 14:07
Certo che questa sentenza è interessante, considerando il fatto che il 90% dei direttori di conservatorio è al terzo mandato, cosa che hanno potuto fare modificando gli statuti interni dei conservatori. La ragione per cui un amministratore pubblico voglia fare 30 anni di carriera da direttore, non è dato sapere, ma sicuramente questo crea un danno enorme al giusto ricambio sia dei docenti che vengono reclutati tramite Graduatorie d'istituto, sia per quanto riguarda le politiche di sviluppo dei conservatori stessi.
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 14:12
adesso spero che chi ha perso le elezioni interne a fronte di questa sentenza faccia ricorso,un minimo di democrazia no?
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 14:40
SENATO, Legge 1693

Emendamenti (ndr: e favori)



4.0.4

BEVILACQUA (ndr: PDL)

Dopo l'articolo 4, aggiungere il seguente:

«Art. 4-bis.

(Direttori Afam)

1. Il personale docente incaricato della direzione di una istituzione dell'alta formazione artistica e musicale nell'anno accademico 2000/2001 che abbia svolto ininterrottamente tale funzione fino al 31 ottobre 2009, mantiene ad esaurimento le funzioni di direttore di cui all'articolo 6 del decreto del Presidente della Repubblica 13 giugno 2003, n. 135, fino al collocamento in quiescenza.



Messaggio modificato il giorno 07/05/2010, 14:41
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 15:36
comp Scritto:
-------------------------------------------------------
> SENATO, Legge 1693
>
> Emendamenti (ndr: e favori)
>
>
>
> 4.0.4
>
> BEVILACQUA (ndr: PDL)
>
> Dopo l'articolo 4, aggiungere il seguente:
>
> «Art. 4-bis.
>
> (Direttori Afam)
>
> 1. Il personale docente incaricato della
> direzione di una istituzione dell'alta formazione
> artistica e musicale nell'anno accademico
> 2000/2001 che abbia svolto ininterrottamente tale
> funzione fino al 31 ottobre 2009, mantiene ad
> esaurimento le funzioni di direttore di cui
> all'articolo 6 del decreto del Presidente della
> Repubblica 13 giugno 2003, n. 135, fino al
> collocamento in quiescenza.

Atto Senato n. 1693
XIV Legislatura
Iter 14 dicembre 2005

bravo comp dai notizie freschissime
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 15:47
scusate se l'emendamento è del 2005 come può essere citato il 31 ottobre 2009?



Messaggio modificato il giorno 07/05/2010, 15:48
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 16:00
Andiamo in ordine:

http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=ListEmendc&leg=16&id=34005

Io parlo della legge in corso di approvazione al senato (ORA).
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 16:04
Carlina Scritto:
>
> Atto Senato n. 1693
> XIV Legislatura
> Iter 14 dicembre 2005
>
> bravo comp dai notizie freschissime


http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=ListEmendc&leg=16&id=34005

Leggi, cara. Mi pare ci sia scritto 2010.
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 16:19
Mi spiace per te Caro, già cestinata come l'altra. Basta leggerla una vera porcheria all'italiana!
Re: interessante sentenza direttori cons. afam
07 maggio 2010, 16:25
Carlina Scritto:
-------------------------------------------------------
> Mi spiace per te Caro, già cestinata come l'altra.
> Basta leggerla una vera porcheria all'italiana!


Una vera porcheria all'italiana, sono d'accordo! Cestinata? Vedremo al momento del voto in aula. In commissione si fanno solo proposte (e favori, nella fatispece tramite Civello che ha raccomandato). E' l'aula che vota.

Ma come sono ignorante, potrai mai perdonarmi?