Condividi su Facebook

Giacomo Sagripanti dirige Orchestra e Coro, regia di Stephen Medcalf

Carmen: il capolavoro di Georges Bizet al Teatro Regio di Torino

Giacomo Sagripanti dirige Orchestra e Coro, regia di Stephen Medcalf


Martedì 10 dicembre, alle ore 20, il Regio mette in scena Carmen, l'opera lirica capolavoro di Georges Bizet.

L’Orchestra e il Coro del Teatro Regio sono diretti dal maestro Giacomo Sagripanti, il Coro è istruito da Andrea Secchi e il Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” da Claudio Fenoglio. Carmen è interpretata da Varduhi Abrahamyan, Don José è Andrea Carè, Micaëla è Marta Torbidoni ed Escamillo Lucas Meachem. L’opera viene eseguita nella versione originale con i dialoghi parlati.

Partner della produzione è il Gruppo Iren, Socio Fondatore del Teatro Regio.

«Anche per il 2019-2020 - dichiara il Presidente Iren, Renato Boero - il Gruppo Iren sostiene la Stagione d’Opera e di Balletto del Teatro Regio di Torino, polo culturale e storico tra i più importanti e rinomati della città, testimoniando, in questo modo, la propria attenzione alla crescita e allo sviluppo dei territori in cui opera. Attraverso il contributo a opere liriche rilevanti come la Carmen, Iren conferma la propria vocazione, ormai consolidata, al sostegno alla cultura in ogni sua forma".

Giacomo Sagripanti guida per la prima volta l’Orchestra del Teatro Regio: vincitore degli International Opera Awards 2016 come giovane direttore emergente, si è in brevissimo tempo distinto come attento interprete del repertorio belcantistico e lirico in teatri di prima importanza come la Semperoper di Dresda, La Fenice di Venezia, la Opernhaus di Zurigo, il Teatro Bol’šoj di Mosca e l’Opéra di Parigi.

Carmen opera: la trama diventata negli anni simbolo di libertà

La passionale e tragica vicenda della gitana, diventata negli anni simbolo della libertà senza compromessi ed emblematica vittima di femminicidio, rivive qui nell’indimenticabile allestimento di Stephen Medcalf, creato per il Teatro Lirico di Cagliari nel 2005, valso al suo autore il Premio Abbiati 2006 per la migliore regia d’opera. Il dramma di Bizet, originariamente ambientato nel primo ventennio dell’Ottocento, è trasportato nella cupa atmosfera della Spagna franchista, a guerra civile appena conclusa: le scene e i costumi di Jamie Vartan disegnano uno spazio claustrofobico ma in continuo movimento, su cui a più riprese si aprono e si richiudono le prospettive della fabbrica di sigari, della locanda di Lillas Pastia e della plaza de toros, e con lo spettacolare atterraggio di un aereo nei pressi del covo dei contrabbandieri. Le luci di Simon Corder, riprese da John Bishop, proiettano la vicenda in un’atmosfera notturna, squarciata a tratti dai colori caldi e terrosi dell’Andalusia. Le coreografie sono firmate da Maxine Braham.

"La strada che abbiamo scelto – spiega Medcalf – per tornare al ruvido realismo dell’originale è di trasportare l’azione dell’opera in avanti, ai tempi della Spagna Nazionalista della metà degli anni Quaranta, epoca che presenta paralleli notevoli col mondo sotterraneo e senza legge del racconto di Mérimée. (da “L’Opera” febbraio 2018)".

Gli interpreti

Debutta al Regio, nel ruolo del titolo il mezzosoprano franco-armeno Varduhi Abrahamyan, il cui repertorio spazia da Händel a Rossini, Verdi e ?ajkovskij, autori che ha interpretato con sicurezza sui principali palcoscenici mondiali; la voce scura e piena valorizza appieno il personaggio sensuale e sfrontato di Carmen.

Andrea Caré è Don Josè, personaggio che ha debuttato nel 2009, ruolo di punta e fra i più amati nel suo amplissimo repertorio; il tenore torinese è spesso impegnato al Regio, dove è nata la sua carriera: ha vinto il Concorso internazionale di Spoleto nel 2005, si è perfezionato con Raina Kabaivanska ed è stato allievo di Luciano Pavarotti.

Un altro debutto al Regio quello di Marta Torbidoni, giovane ma già affermato soprano che interpreta la dolce Micaëla.

Il baritono Lucas Meachem è al suo debutto al Regio e nel ruolo di Escamillo, già vincitore nel 2016 del premio Emerging Star of the Year dell’Opera di San Francisco e di un Grammy Award nel 2017 per l’incisione dell’opera The Ghosts of Versailles con la Los Angeles Opera.

Nel corso delle undici recite, dal 10 al 22 dicembre, si alternano nei ruoli principali Martina Belli (Carmen), Peter Berger (Don José), Giuliana Gianfaldoni (Micaëla) e Andrei Kymach (Escamillo).

Completano il cast: il soprano Sarah Baratta (Frasquita), il mezzosoprano Alessandra Della Croce (Mercédès), il baritono Gabriel Alexander Wernick (il Dancaïre), il tenore Cristiano Olivieri (il Remendado), il baritono Costantino Finucci (Moralès), il basso Gianluca Breda (Zuniga) e gli attori Aldo Dovo, Marcello Spinetta e Guido Cavallini.

2016 © Edumus.com è proprietà di Export Digitale Srl - Sede legale e operativa: Via L. de Libero, 8 - 04022 Fondi (LT) -
P.IVA, C.F. e CCIAA di Latina IT02851780599 - Cap. Soc. 10.000€ i.v. - REA: LT-204311

--