Condividi su Facebook

Si terrà dal 7 al 15 luglio 2017 la quarta edizione del Varignana Music Festival, la prima rassegna estiva della scena bolognese interamente dedicata alla musica classica, nell’incantevole scenario di Palazzo di Varignana Resort & SPA.

Varignana Music Festival

Si terrà dal 7 al 15 luglio 2017 la quarta edizione del Varignana Music Festival, la prima rassegna estiva della scena bolognese interamente dedicata alla musica classica, nell’incantevole scenario di Palazzo di Varignana Resort & SPA.


Dopo il successo delle precedenti edizioni, acclamate da critica e pubblico per un cartellone prestigioso che univa, fra gli altri, artisti come Mischa Maisky, Mario Brunello, lo Janá?ek Quartet, Antonio Meneses, Alexander Romanovsky, Ezio Bosso, Gustavo Zagrebelsky, Philippe Daverio e molti altri, anche quest'anno la direzione artistica di Bruno Borsari di Musica Insieme conferma la qualità assoluta del festival.

 

E proprio l’arte dell’incontro, quello fra la straordinaria accoglienza di Palazzo di Varignana e l’altrettanto esclusiva proposta culturale del Festival, è alla base del cartellone 2017. A Varignana gli artisti si incontrano, creano progetti inediti e nuove sinergie creative, e insieme incontrano il pubblico, scambiando esperienze ed emozioni in momenti che vanno anche al di là del concerto stesso. Palazzo di Varignana è la cornice ideale per creare questa atmosfera unica, diventando per una settimana una residenza d’artista che mette a disposizione dei propri ospiti i benefici delle acque delle SPA, occidentale e fusion, e delle piscine, la buona cucina dei suoi ristoranti e dei prodotti a etichetta Palazzo di Varignana, il benessere delle strutture sportive e dei programmi wellness in e out door.

 

Per celebrare la IV edizione, è stata creata una compagine ‘in residenza’ del Festival: il Coro e Orchestra del Varignana Music Festival, diretta da Lorenzo Bizzarri, i cui componenti compaiono in sedi che vanno dal Gewandhaus di Lipsia al Vaticano, esibendosi al fianco di Andrea Bocelli come di Zubin Mehta e Placido Domingo. Alla compagine sarà affidata la serata inaugurale, Nel Paese del Belcanto, un Grand Opening che venerdì 7 luglio celebrerà un’altra eccellenza italiana, e del territorio, fra la Motor Valley e la tipica arte gastronomica emiliana: quella dell’opera, che da Rossini a Verdi, da Bellini a Mascagni costituisce un altro ‘made in Italy’ famoso in tutto il mondo. Sabato 8 luglio ospiteremo – altro debutto nel Festival di un artista di fama internazionale – il recital pianistico di Alexei Volodin, Artista in residenza dell’Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, e pianoforte solista con compagini quali la London Symphony Orchestra e la Sinfonica della RAI. Domenica 9 luglio sarà invece la volta della Signora del violoncello, ovvero Natalia Gutman, fra i massimi interpreti nella storia del suo strumento, diretta da Abbado, Muti, Temirkanov e Celibidache; insieme a lei ascolteremo il violista Dimitri Hoffmann e il Quartetto di Cremona, a sua volta ospite delle sale più prestigiose, dalla Konzerthaus di Berlino al Metropolitan di New York. Per loro un programma che unisce il Quintetto per archi di Johannes Brahms allo struggente Sestetto di ?ajkovskij Souvenir de Florence, ancora un omaggio ad una delle più belle città italiane. Lunedì 10 luglio il Quartetto di Cremona incontrerà anche Alexei Volodin, per un originale “progetto Šostakovi?”, mentre la Gutman comparirà ancora sul palco del Festival martedì 11 luglio con il suo Gutman Trio, eseguendo le pagine più amate di Rachmaninov, Brahms e Šostakovi?. Appuntamento attesissimo della rassegna sarà poi, mercoledì 12 luglio, il recital di Alexander Romanovsky, oggi ospite di orchestre che vanno dalla New York Philharmonic alla Filarmonica della Scala, e testimonial fin dalla I edizione del Varignana Music Festival. Per lui un’appassionante integrale: quella delle Etudes-Tableaux op. 39 di Sergej Rachmaninov. A seguire, due incontri con un’altra ospite d’eccezione, la vulcanica violinista moldava Patricia Kopatchinskaja, che per due sere, il 13 e il 14 luglio, si ‘racconterà’ in musica, accompagnata da Anthony Romaniuk al pianoforte, da Viktor Kopatchinski al cymbalom e da Emilia Kopatchinskaja al violino, con un programma che dalle Sonate di Beethoven spazia sino alla musica popolare. Per la matinée finale del Festival, sabato 15 luglio alle 12, da non perdere la prima mondiale di Roberto Molinelli per Mario Stefano Pietrodarchi, vincitore del principale concorso al mondo per bandoneon, che la eseguirà in duo con Alexander Romanovsky, al quale spetterà chiudere il Festival con il superbo Secondo Concerto di Chopin, accompagnato dal Quintetto d’Archi del Teatro Comunale di Bologna, composto dalle prime parti della storica orchestra.

 

Questi i protagonisti dell’edizione 2017, che con programmi inediti e originali porteranno il Varignana Music Festival al centro del panorama musicale europeo. La suggestiva atmosfera delle colline bolognesi, la grande tradizione della musica classica e gli incontri con i principali artisti contribuiranno a fare di Varignana Music Festival un’esperienza unica, tutta da scoprire.

 

 

I PROTAGONISTI

In ordine di apparizione

 

Coro e Orchestra del Varignana Music Festival

Fondata appositamente per il Festival, la compagine riunisce le prime parti dell’Orchestra “Arcangelo Corelli”, dell’Orchestra Giovanile Italiana, della Cappella Musicale di Santa Maria dei Servi e della Corale Quadriclavio. Diretta da Lorenzo Bizzarri, compare in sedi che vanno dal Gewandhaus di Lipsia al Vaticano, esibendosi al fianco di Andrea Bocelli come di Zubin Mehta e Placido Domingo.

 

Alexei Volodin pianoforte

Pianista in residenza dell’Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo, si esibisce come solista con le principali compagini, quali la London Symphony Orchestra e l’Orchestra Sinfonica della RAI.

 

Quartetto di Cremona

Fra i più acclamati quartetti italiani, è ospite delle sale più prestigiose, dalla Konzerthaus di Berlino al Coliseum di Buenos Aires, dal Bozar di Bruxelles al Metropolitan di New York.

Natalia Gutman violoncello

Già allieva di Rostropovi?, la “Signora del violoncello” è fra i massimi interpreti nella storia del suo strumento, ospite delle maggiori orchestre e diretta fra gli altri da Celibidache, Abbado, Muti e Temirkanov.

 

Dimitri Hoffmann viola

Collabora con direttori d’orchestra del calibro di Zubin Mehta, Lorin Maazel, Wolfgang Sawallisch, sia in veste di solista che quale prima viola delle principali orchestre europee.

 

Gutman Trio

Il Trio fondato dalla violoncellista Natalia Gutman riunisce Dmitri Vinnik al pianoforte e Sviatoslav Moroz al violino, e si esibisce in tutto il mondo, incidendo per le più importanti etichette.

 

Alexander Romanovsky pianoforte

Sin dalla vittoria del Premio “Busoni” 2001, è ospite di orchestre che vanno dalla New York Philharmonic alla Filarmonica della Scala, dalla Chicago Symphony all’Orchestra Nazionale dell’Accademia di Santa Cecilia.

 

Patricia Kopatchinskaja violino

Violinista moldava ospite di compagini quali Wiener Philharmoniker, Mahler Chamber Orchestra, Orchestre des Champs-Elysées, si esibisce in sale che vanno dalla Carnegie Hall alla Berliner Philharmonie.

 

Anthony Romaniuk pianoforte

Pianista e clavicembalista, collabora regolarmente con Pieter Wispelwey, l’Australian Chamber Orchestra, la Stuttgart Kammerorchester e in duo con Patricia Kopatchinskaja, con cui ha inciso Take Two (Alpha, 2015).

 

Emilia Kopatchinskaja violino

Violinista specializzata nell’interpretazione del repertorio classico come del patrimonio tradizionale, è protagonista del cd Rapsodia (Naïve, 2010), oltre a comparire come solista con le maggiori compagini.

 

Viktor Kopatchinski cymbalom

Solista apprezzato internazionalmente per le sue interpretazioni al cymbalom, strumento tipico dell’Europa centro-orientale, il suo cd Rapsodia è stato premiato da BBC Music, Gramophone, Strad, Pizzicato.

 

Quintetto d’Archi del Teatro Comunale di Bologna

È composto dalle prime parti dell’Orchestra del Teatro Comunale, compagine di grande tradizione alla cui guida si sono avvicendati maestri quali Celibidache, Peskó, Delman, Chailly, Gatti.

 

Mario Stefano Pietrodarchi bandoneon

Vincitore del principale concorso per bandoneon, il Trofeo Mondiale C.M.A. di Lorient, compare al fianco di artisti che vanno da Andrea Bocelli ad Andrea Griminelli, Pino Daniele e Riccardo Cocciante.

 

Varignana Music Festival 2017 | Programma

 

VENERDÌ 7 luglio ORE 20

GRAND OPENING

CORO E ORCHESTRA DEL VARIGNANA MUSIC FESTIVAL

Lorenzo Bizzarri direttore

NEL PAESE DEL BELCANTO

Rossini, Bellini, Donizetti, Verdi, Mascagni

 

SABATO 8 luglio ORE 20

ALEXEI VOLODIN pianoforte

Chopin, Schumann

 

DOMENICA 9 luglio ORE 20

QUARTETTO DI CREMONA

NATALIA GUTMAN violoncello

DIMITRI HOFFMANN viola

Brahms, ?ajkovskij

 

LUNEDÌ 10 luglio ORE 20

QUARTETTO DI CREMONA

ALEXEI VOLODIN pianoforte

Šostakovi?

 

MARTEDÌ 11 luglio ORE 20

GUTMAN TRIO

Rachmaninov, Brahms, Šostakovi?

 

MERCOLEDÌ 12 luglio ORE 20

ALEXANDER ROMANOVSKY pianoforte

Rachmaninov

 

GIOVEDÌ 13 luglio ORE 20

PATRICIA KOPATCHINSKAJA violino

EMILIA KOPATCHINSKAJA violino

ANTHONY ROMANIUK pianoforte

VIKTOR KOPATCHINSKI cymbalom

Enescu, Kurtág, Crumb, Biber, Bartók

 

VENERDÌ 14 luglio ORE 20

PATRICIA KOPATCHINSKAJA violino

ANTHONY ROMANIUK pianoforte

C.P.E. Bach, Mendelssohn-Bartholdy, Beethoven, Cage, Lann

 

SABATO 15 luglio ORE 12

QUINTETTO D’ARCHI DEL TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA

ALEXANDER ROMANOVSKY pianoforte

MARIO STEFANO PIETRODARCHI bandoneon

Molinelli (world première), Chopin

2016 © Edumus.com è proprietà di Export Digitale Srl - Sede legale e operativa: Via L. de Libero, 8 - 04022 Fondi (LT)
P.IVA, C.F. e CCIAA di Latina IT02851780599 - Cap. Soc. 10.000€ i.v. - REA: LT-204311