Massimiliano Verde

Esperienze professionali Professionista Esperto in progettazione e assistenza in ambito di comunicazione e pubbliche relazioni, mostre ed exhibit ed in gestione, valorizzazione, promozione delle risorse culturali ed enogastronomiche, presso l’Albo delle Competenze della Società in house providing della Regione Campania, Sviluppo Campania S.p.A.; Membro ed Articolista del Magazine “Terra di Campania” ramo no–profit della SEMA, Agenzia di Comunicazione Integrata e Agenzia di Promozione del Territorio e delle Tipicità Membro Collettivo Redazionale ed Articolista del periodico “Napoli Area Nord” Responsabile gruppo scientifico di ricerca, studio e cooperazione culturale e di formazione internazionale “Accademia Napoletana” per la tutela, protezione ed insegnamento della Lingua di Napoli e più estensivamente del patrimonio storico–culturale e linguistico campano; Membro ed Amministratore del Gruppo “Language Rights, Derechos Lingüísticos, Lenguas en riesgo” per la protezione internazionale delle lingue minorizzate ed a rischio estinzione. Riconoscimenti: Medaglia da parte del primo cittadino di Napoli per l’impegno culturale a favore di Napoli; Nota del Direttore della Scuola di Teatro del Teatro Stabile/Nazionale di Napoli, dott.Mariano Rigillo per il metodo d’insegnamento del Napoletano realizzato da dott.Verde Massimiliano; Nota del Direttore della Sección de Lengua y Literatura Valencianas de la Real Acadèmia de Cultura Valenciana di Spagna, per il lavoro di insegnamento e tutela della lingua Napoletana del dott.Verde Massimiliano; Nota del Presidente dell’Istituto d’Estudis Valencians di Spagna per il metodo d’insegnamento del Napoletano, prodotto dal dott.Verde Massimiliano. Ulteriori riconoscimenti per il lavoro per l’insegnamento e la tutela del patrimonio linguistico di Napoli da parte di associazioni, gruppi accademici, docenti, e sociolinguisti in Europa e nel continente Americano che non si riportano per finalità di sintesi ma che sono a disposizione ove richiesti. Patrocinio da parte del Comune di Napoli ?per il primo Corso di Lingua e Cultura Napoletana che segue le competenze previste del QCER (Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue) Le principali realizzazioni dell’Accademia Napoletana riguardano attività formative e culturali e di promozione territoriale, a sostegno e diffusione della Lingua, Cultura e storia di Napoli e della Campania. Si rileva che tutte le iniziative e collaborazioni sono state riportate da quotidiani e periodici locali e nazionali (Chiaia Magazine, Napoli Area Nord, Napoli Magazine, Cronache della Campania, Nuova Stagione, settimanale diocesano della Diocesi di Napoli, Il Roma, il Mattino, La Repubblica, ed .Napoli, il Secolo XIX) e stranieri (Las Provincias, La voce di New York, Cultura Valenciana, The Italian American Journal) e da radio locali ed estere (ICN Radio di New York, Radio Colonia, etc.). Eco dell’attività per il Napoletano si è avuta anche alla Rai 1 (programma Estate in Diretta) e con partecipazione del dott. Verde anche al programma “Mattina 9” di Napoli e con il report del TGR3 Campania del Corso di Lingua e Cultura Napoletana dell’Accademia Napoletana. Sintesi delle principali realizzazioni Primo Corso di Lingua e Cultura Napoletana ?(?Corzo ‘e Lengua e Ccultura Napulitana?) ?QCER ?riconosciuto dal Comune di Napoli?, a cura del dott. Massimiliano Verde: tale corso è stato presentato ufficialmente da un comunicato stampa della Giunta Comunale di Napoli il 10/04/2017 e l’11/04/2017, consentendo di ricevere competenze relative alla grammatica, comprensione, ortografia della lingua napoletana, storia e cultura del territorio campano. Il corso di lingua napoletana, realizzato con il metodo di apprendimento della lingua napoletana sperimentato è terminato con la produzione di un certificato di competenza linguistica secondo il Quadro di riferimento europeo. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Napoli, è stata finalizzata a riscoprire il patrimonio linguistico e letterario di Napoli, un momento fondamentale per riacquistare la “mammoria?” (in napoletano, memoria) sul proprio passato trimillenario di napoletani e riconquistare sempre più conoscenza e rispetto dovuti al nostro territorio, alla storia ed alle eccellenze napoletane e campane, tutto ciò specie a vantaggio appunto dei giovani e giovanissimi, per contribuire ad un loro sviluppo autonomo, democratico e consapevole; Primo documento pubblico in lingua napoletana del XXI secolo. ?Di tale documento ne è stato dato anche notizia all’estero (Spagna, USA); Prima carta info–turistica, per la III Municipalità di Napoli, con il recupero degli originari toponimi ed odonimi in lingua napoletana dell’area di cui sopra, afferente anche a parte del Centro Storico di Napoli, già patrimonio Unesco. Operazione di recupero di tradizioni orali e del vernacolo tuttora in essere, ma a rischio, espressive della comunità culturale del luogo, nella sua identificazione storico– territoriale. Tale lavoro rientra nella proposta fatta da Verde alle autorità cittadine e regionali della Campania della realizzazione della doppia odo–toponomastica (Napoletano ed Italiano); Performance e mostra video–documentaria in lingua napoletana in occasione dello Sky art Festival di Napoli 2017 “ ‘O Rione, Cumm’era, Comm’è” organizzato in collaborazione con il Polo museale della Campania e con il patrocinio del Comune di Napoli e dell’Università degli Studi Federico II. Di tale attività l’Accademia Napoletana ha dato ampia ed apprezzata eco internazionale. Promozione e realizzazione dell’evento espositivo, culturale e fieristico “Salon Made in Naples”, in Francia, patrocinato dal Comune di Napoli e dalla Città Metropolitana di Napoli per la promozione del territorio della città metropolitana di Napoli,, ha curato l Partecipazione a Futuro Remoto 2015?, Fondazione Idis – Città della Scienza con il tema “Napoli e la sua Lingua, 3000 anni, oggi e domani” Lectio magistralis “la lingua come diritto Umano” con? ringraziamenti ufficiali da parte della Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro e Club Unesco Napoli e Bisceglie, nell’ambito del Concerto per i Diritti Umani 2015 per l’Anno Internazionale UNESCO della Luce, presso la CAPPELLA REALE DEL TESORO DI SAN GENNARO, promosso e organizzato dai Club UNESCO Napoli e Club UNESCO Bisceglie con il Patrocinio del POLO CONSOLARE in Napoli in rappresentanza di 70 Ambasciate, Federazione Italiana Club e Centri UNESCO, Regione Campania, Regione Puglia – Presidente del Consiglio, Città di Napoli – Bisceglie – Andria – Polignano a Mare, Commissione Pastorale ARCIDIOCESI Trani, Barletta, Bisceglie e Nazareth. Attività formative e didattiche di promozione culturale e linguistiche in Francia sul “Presepio Napoletano” e sulla canzone napoletana, in onore anche dello scomparso Pino Daniele; Progettazione e realizzazione dell’evento internazionale “Salon du Livre de Ceyreste –Naples: Incontro di culture mediterranee” Realizzazione di testi in lingua napoletana e francese, per il progetto “Chi ha orecchio intenda?” per il recupero e valorizzazione della Chiesa di Santa Luciella, Napoli, in collaborazione dell’Associazione Respiriamo Arte, Meridonare, Visit Naples ed Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli; Infatti l’Accademia Napoletana sostiene iniziative dei giovani artisti e professionisti della cultura, della musica e del teatro, facendone parte giovani artisti cultori della canzone napoletana e dell’Opera, sia italiani come il soprano Mariagrazia de Luca, che stranieri. L’Accademia si pone anche consulente per artisti che vogliano apprendere la corretta dizione e soprattutto la corretta grafia di testi e libretti in lingua napoletana; Relazione e carteggio con la Unesco per la giornata internazionale della lingua materna, ?21/02/2018 sullo stato dell’arte e sulle attività in corso dell’Accademia a favore del e tutela del patrimonio socio–linguistico e culturale di Napoli, in particolare per i bambini di lingua materna napoletana Proposta di una candidatura della lingua napoletana come patrimonio culturale immateriale dell’Umanità (12/03/2018) alla Commissione Cultura e Scuola del Comune di Napoli ed alla rappresentanza delegata per la regione Campania per l’Unesco. Tale proposta vuole sensibilizzare le autorità cittadine e regionali a sostenere tale candidatura a tutela delle espressioni universalmente apprezzate in cui si magnifica la lingua napolitana, ovvero la canzone e la tradizione musicale ed il teatro, oltre che per la plurisecolare letteratura. In tale sede il dott.Verde Massimiliano ha ribadito la disponibilità dell’Accademia Napoletana per la realizzazione di attività formative all’interno del sistema scolastico della Regione Campania, di promozione e tutela della lingua e cultura Napoletane. In tal senso si ricorda anche una nota dell’Istituto d’Estudis Valencians di Spagna alle autorità regionali e cittadine a sostegno della richiesta dell’Accademia di poter sviluppare le sue attività anche nel sistema scolastico regionale, (a supporto della relazione del 12 marzo di cui sopra). Pubblicazione in lingua valenciana, all’interno della pagina web dell’Institut d’Estudis Valencians che supporta l’iniziativa dell’Accademia Napoletana,della relazione inviata alle autorità cittadine,regionali, come pure alla Unesco,a favore del patrimonio socio–linguistico e culturale napolitano; Pubblicazione di articoli in lingua napoletana e valenciana su temi storico–culturali e sociali nella pagina web dell’Institut d’Estudis Valencians; Realizzazione del Programma Radiofonico e Web, “Almanacco Napulitano”,? (Radio Svago Web) rubrica dalla durata pluri–mensile con tema un ulteriore corso di ortografia napoletana e storia delle tradizioni campane, ma anche un notiziario in lingua napoletana, condotto sempre da Verde. La rubrica seguitissima ha avuto anche eco internazionale con la partecipazione ed apprezzamenti di personalità della comunicazione ed accademiche negli USA ed Latinoamérica, tra gli altri; Pubblicazione via web della rubrica “Aggenda Napulitana” ?a cura del “Il Sud siamo Noi”, rubrica elaborata da Verde in Lingua Napoletana e tradotta dal Napoletano all’Italiano e che costituisce altra attività formativa ed ortografica a favore della lingua napoletana. Ulteriori pagine come blogs, e pagine web a carattere accademico sono anche lo spazio per gli elaborati di Verde. Anteprima fotografica in lingua napoletana “ ‘O Presebbio ‘e Napule ovvero Napule dint’ ô Presebbio?”, a Napoli Anteprima fotografica in lingua napoletana “ ‘O Presebbio: Ninno nascette cca!” ?presso il Real Polverificio di Scafati (Sa) nella programmazione della Rassegna Natalizia di Scafati 2016; evento pubblicato nella pagina web dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia ?(UNPLI?) in occasione della ?Giornata nazionale del dialetto? ?2017: Mostra Biografica e Documentaria in Lingua Napoletana su Giambattista Basile in collaborazione con il Comune di Giugliano in Campania presso la Collegiata di Santa Sofia in Giugliano. La mostra è stata poi trasmessa agli istituti scolastici del territorio giuglianese (2017) Si ricorda che ?Basile?, insieme a Pino Daniele ed alla ?Maschera di Pulcinella è stato citato anche nella relazione del 21 febbraio inviata da Verde alla Unesco. Nelle relazioni del 21 febbraio e 12 marzo 2018 Verde ha anche evidenziato la necessaria tutela del Presepio napoletano come ulteriore espressione artistica in lingua napoletana (ricordando anche la figura di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori).Il dott.Verde Massimiliano è inoltre tra i promotori per la realizzazione di una targa commemorativa e di un’adeguata strada di Napoli in nome dell’artista ?Aldo Giuffré e sostiene la candidatura della canzone e del teatro napoletani come patrimonio immateriale culturale dell’Umanità, identicamente per la Maschera di Pulcinella?. Rassegna : ‘E ffemmene ‘e Napule” nell’ambito di “MarzoDonna 2017” del Comune di Napoli, in onore delle donne napoletane anche meno conosciute che hanno valorizzato Napoli con la propria cultura e lingua napoletana. Conferenza: “Sistema politico–Criminale Nord–Sud Italia” (26–29/04/2017)? del dott.Verde ed una Lectio magistralis “Napoli? Civiltà e storia millenaria”? al I°Congresso Internazionale di Diritto Penale organizzato dallo Stato del Cearà, Università URCA in Brasile. Percorsi turistici nella III Municipalità di Napoli in lingua napoletana,? con patrocinio dell’Assessorato alla Qualità della Vita e Pari Opportunità del Comune di Napoli, all’interno dell’iniziativa ?Maggio Napoletano, 2017 Perché le finalità dell’Accademia Napoletana sono squisitamente pedagogiche oltreché formative e proattive per la legalità e la protezione dei diritti sociali soprattutto a favore delle nuove generazioni e non solo culturali, il 14 Maggio 2017 Verde ha partecipato e relazionato con l’elaborato: “?Napoli civiltà dei diritti?” al Maschio Angioino di Napoli in occasione dell’evento “Napoli città per l’attuazione della Costituzione” ed ha organizzato la “?Conferenza Internazionale sulla Lotta alle mafie” ?presso il PAN, Palazzo delle Arti di Napoli, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo del Comune di Napoli e con il Patrocinio del Consiglio Regionale della Campania il 10 Giugno 2017 ed infine con la: Conferenza “Cultura ed Istruzione tra Criminalità e Diritti negati” con il Patrocinio del Comune di Giugliano in Campania, alla presenza del Sindaco di Giugliano, dell’Assessora all’istruzione e del Comandante del Corpo dei Carabinieri di Giugliano in Campania. (30 Giugno 2017); Conferenze realizzate a Valencia (Spagna): ?”?Napoli civiltà e cultura del mondo”;? “Valencian, Balear, Aragones, Napulitano, Lenguas Europeas, Lenguas minorizadas”,? Lectio Magistralis in occasione della ?Giornata Europea delle Lingue 2018, con lettura di Verde de ‘A Livella” di A.de Curtis, Totò.in Valencia (Maggio e Settembre 2018); Pubblicazione de “Lengua Napulitana, Patremmonio ‘e ‘na Cultura Auniverzale ‘Mpericulo?” ad opera di Verde editata dall’Institut d’Estudis Valencians, (lulu.com) prodotta direttamente in Lingua Napoletana e tradotta da Verde in Castigliano e dall’Institut, in Lingua Valenciana. L’opera è una sintesi della relazione inviata all’Unesco? il giorno 21/02/2018 e costituisce un agevole strumento didattico e formativo sulla e della lingua napoletana, attraverso le iniziative dell’Accademia Napoletana; Pubblicazione de “Europa da continente di emigrazione a continente d’immigrazione” ?dedicato anche alla emigrazione meridionale interna ed all’estero, all’interno dell’opera accademica ?”Antropologia Jurídica Uma Contribuição sob Múltiplos Olhares”, organizzata? dal Chiar.mo Prof.Pietro Nardella Dellova, Avvocato e Poeta, già membro dell’Accademia Napoletana. L’opera è stata presentata alla ?25ª Bienal Internacional do Livro de São Paulo?, realizzata dalla Câmara Brasileira do Livro; Presentazione del lavoro dell’Accademia Napoletana per la tutela della Lingua Napoletana presso la Columbia University?, evento in collaborazione con l’UNESCO, The Secretariat of the United Nations Permanent Forum on Indigenous Issues e The Permanent Mission of Ecuador to the United Nations; Con il Brasile inoltre è attivata, su proposta di Verde una collaborazione accademica circa lo studio e la tematica storico–sociale e linguistica della comunità? napoletana di San Paolo ?del Brasile. Tale collaborazione si svolge anche sul piano dei diritti linguistici con illustri docenti di tali materie di studio. Il lavoro di Verde è finalizzato ad un recupero in maniera scientifica delle tradizioni e del patrimonio letterario e culturale di queste comunità, a favore di tali comunità, non solo in Brasile (si nota in tal senso una ulteriore collaborazione con gli USA). Attualmente l’Accademia ha costituito un gruppo internazionale di studio, tutela e salvaguardia delle lingue a rischio cui partecipano tra gli altri esponenti della cultura valenciana e greca, ma anche degli USA e del Latino America. Co–Patrocinio della Masterclass di Canto Lirico organizzata nel quartiere Casertavecchia (12–13–14/10/2018) dall’associazione ?Una voce poco fa presso? la storica residenza della Casa della Poesia a Casola di Caserta con il coordinamento didattico affidato al basso baritono di caratura internazionale Carmine Monaco d’Ambrosia.

2016 © Edumus.com è proprietà di Export Digitale Srl - Sede legale e operativa: Via L. de Libero, 8 - 04022 Fondi (LT)
P.IVA, C.F. e CCIAA di Latina IT02851780599 - Cap. Soc. 10.000€ i.v. - REA: LT-204311